STORIA DI NIN
di Alberta Toninato

Regia di Alberta Toninato
Coreografie di Silvia Salvagno

Personaggi e interpreti:

Nin Vanni Carpenedo
Marì Silvia Salvagno
Adolfo-forchetta
Lucio-letargo
Gnaghi-la pressa
Militare
Beppe Casales
Tino-il trapano
Ivo-il guercio
Piero-la pera
Militare
Nicola Taroni
Isa-crocefisso
Nando-lo sfregiato
Indro-il timbro
Militare
Giovanna Boscarino
Arturo-l'uncino
Rosa-la matta
Wilma-la gatta
Nico-polpetta
Alberta Toninato

Progetto scenico e luci: Federica Preto
Elaborazioni video e fonica: Stefano Viero
Fotografie di scena: Giovanni Tomassetti


Storia di Nin nasce dal desiderio di raccontare un personaggio.
Nin è un puro.
Un tipo un po' naif.
Un bambino proiettato nel mondo degli adulti.
Un uomo che non ha mai smesso di essere bambino.
Una sorta di Arlecchino contemporaneo che della maschera mantiene solo gli aspetti più giocosi e ingenui, senza scaltrezza, senza volontà di gabbare gli altri.

Storia di Nin nasce dall'esigenza di affrontare il tema della purezza e di come la presenza di questa componente - rara negli umani - spesso crei disagio, imbarazzo, inquietudine in una società dove la furbizia è considerata una qualità indispensabile per poter stare al mondo, in una società che non integra, anzi, elimina il diverso.
Nasce dall'urgenza di proporre una riflessione sull'emarginazione, sulla povertà, sul malcontento sociale che genera la spinta al cambiamento. Di raccontare lo scontro tra il desiderio di migliorare la propria condizione, da parte di chi sta peggio, e la forza, la violenza del potere, la volontà di mantenere le cose come stanno, da parte di chi ha trovato il proprio ruolo e i propri privilegi nel sistema.

Storia di Nin è il racconto di un viaggio di iniziazione, di scoperta, di conoscenza. Il racconto dell'incontro tra Nin e gli sconfitti della Storia, il "Popolo degli Scontenti" alle prese con l'organizzazione di un movimento rivoluzionario a cui Nin, ritrovatosi in un contesto più grande di lui, dovrà scegliere se unirsi o meno. É una storia in bilico tra drammatico e grottesco, tra fiaba e attualità, in cui si intrecciano la dimensione del sogno e quella della realtà, quella della vita e quella della morte. Dove lo spettatore, come Nin, può perdersi oppure cercare un suo percorso di significati.

É una storia che, proprio come il suo protagonista, prende forza dalla necessità di credere che un mondo migliore è possibile anche "fra dieci, cento, mille anni… coi tempi del bradipo…".
Alberta Toninato


Recensioni

La Nuova Venezia, 21 ottobre 2005

G.Barbanti - La Nuova Venezia, 26 ottobre 2005


Foto di scena


Alberta Toninato
Si laurea in lettere e si diploma alla Scuola di Teatro “Giovanni Poli” a l’Avogaria di Venezia. Lavora presso la Compagnia L’Isola Teatro di Venezia come assistente alla regia e attrice con la regia di Virgilio Zernitz. Nel 1997 vince insieme a Giovanna Boscarino il primo premio al concorso nazionale per attrici La parola e il gesto di Imola (presidente della giuria Glauco Mauri). Ottiene numerosi premi e riconoscimenti a livello locale e nazionale come regista-autrice degli spettacoli Il dritto e il rovescio, La voce di chi resta, Due in Uno. Lavora con la regista Serena Sinigaglia nel progetto In viaggio verso Sarajevo. Scrive e interpreta il monologo Al Bunduqija-il luogo delle genti diverse. Nel 2001 fonda con la danzatrice Silvia Salvagno l’Associazione Kairós, per cui scrive, dirige e interpreta Terre di nessuno e Storia di Nin.

Vanni Carpenedo
Si diploma alla scuola di teatro “Giovanni Poli” a l’Avogaria. Partecipa alle produzioni Le donne de casa soa e La casa nova di Goldoni (regia di Virgilio Zernitz-Compagnia L’Isola Teatro). In viaggio verso Sarajevo (progetto teatrale a cura di Serena Sinigaglia-Compagnia L’Isola Teatro). Il tempo dei giganti, da Luigi Pirandello (regia di Claudio Di Scanno-Compagnia Drammateatro). Il Campiello di Goldoni (regia di Bepi Emiliani-Teatro Fondamenta Nuove), Storia di Nin (regia di Alberta Toninato- Kairós).

Giovanna Boscarino
Si diploma alla Scuola di Teatro “Giovanni Poli” a l’Avogaria di Venezia, lavora tra gli altri con Bepi Emiliani (C.U.T.), Virgilio Zernitz (L’Isola Teatro), Flavio Albanese e Marco Artusi (La Piccionaia-I Carrara). Nel 1997 vince con Alberta Toninato il primo premio a Imola al concorso nazionale per attrici La parola e il gesto.

Beppe Casales
Si forma a Padova con Roberto Caruso e al Teatrocontinuo. Fonda l’Associazione Via, di danza e teatro, per cui scrive e interpreta numerosi lavori. Dal 2005 partecipa come attore protagonista alla produzione dei Teatri Uniti Il lavoro rende libero di Vitaliano Trevisan con la regia di Toni Servillo.

Silvia Salvagno
Si diploma presso il Laban Centre for Movement and Dance di Londra, dove ottiene il premio Sylvia Bodmer Memorial Award con un suo studio coreografico. Si laurea al D.A.M.S. di Bologna. Traduce e pubblica The Mastery of Movement (L’arte del movimento) di Rudolf Laban. Dal 1993 insegna danza e nel 2001 fonda l’Associazione Kairós.

Nicola Taroni
Partecipa alle produzioni dei laboratori di Kairós dal 2003 al 2005 (Otello, Romeo e Giulietta, Macbeth). Nel 2005 partecipa alla fondazione del gruppo teatrale Le Malelingue.

Fabbrica Lumière
E’ uno studio, con sede a Vicenza, specializzato nelle produzioni video e allestimenti scenografici ed illuminotecnici. Stefano Viero dal 1992 opera come free-lance nel panorama degli studi di audiovisivi per quanto riguarda la ripresa video e il montaggio in linea sui principali sistemi di registrazione a livello professionale e broadcast. Si specializza nel settore dell’editing video off-line sulle principali Stazioni di montaggio (AVID, Matrox, DPS Perception, e Velocity, MEDIA 100). Federica Preto nel 1995 inizia l’attività teatrale come scenografa. Segue seminari con Lucio Diana (Laboratorio Teatro Settimo), Gigi Mattiazzi (C.T.B di Brescia), e Vittorio Garavelli (Teatro Stabile di Bolzano). Partecipa ai seminari della Martin University di Bergamo. Tra il 1995 e il 1999 è responsabile tecnico di palcoscenico del Teatro Fondamenta Nuove di Venezia. Lavora presso il Teatro La Scala di Milano, il Teatro Olimpico di Vicenza. E’ responsabile tecnico della Compagnia di Danza Tocna, e della Compagnia di Teatro Kairós, entrambe di Venezia.


INFORMAZIONI
041-2413530 / 339-8330775
info@kairosvenezia.it

Kairós - Associazione Culturale di Danza e Teatro
web: www.kairosvenezia.it

Teatro Fondamenta Nuove
041 5224498, info@teatrofondamentanuove.it


Vai a Vortice

--------------------------------------------------------------------------------

home