Associazione Culturale Kairós
Vortice - Teatro Fondamenta Nuove


IL SERVITORE IN PROVA
Tratto da Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni
Regia di Alberta Toninato

Personaggi e interpreti:
Arlecchino Vanni Carpenedo
Pantalone Stefano Rota
Clarice Lucia Schierano
Il Dottore Paola Brolati
Silvio Luigi Ballarin
Beatrice Linda Bobbo
Florindo Beppe Casales
Brighella Christian Renzicchi
Colombina Betty Andriolo

Aiuto regia Sara Paolini
Luci Paolo Zanin
Foto di scena Giovanni Tomassetti
Costumi Federica Preto e Camilla Toso
Elementi scenografici Federica Preto e Camilla Toso
Movimenti Silvia Salvagno
Assistente di produzione Elena Bergamaschi

con il sostegno di
Comune di Venezia - Assessorato alla Produzione Culturale
Servizio Teatro e Spettacolo

Si ringraziano per la gentile collaborazione:
Comune di Venezia - Municipalità di Marghera
Comune di Venezia - Teatro del Parco
Università Ca' Foscari di Venezia


Note di regia
Il servitore di due padroni è un testo a cui avvicinarsi in due modi: con timore reverenziale e con una, necessaria, buona dose di incoscienza.
A mantenere l'equilibrio tra queste due componenti devono esserci il rispetto, la curiosità e la voglia di perdersi nel labirinto di equivoci, travestimenti, sdoppiamenti e simmetrie che fanno di questo testo un capolavoro del divertimento. E' inevitabile confrontarsi con il mito dell'Arlecchino di Strehler, che in questo progetto div

enta un punto di riferimento complementare al testo goldoniano.
Il gioco meta-teatrale che caratterizza e rende geniale la messa in scena del regista milanese è stato studiato, ripreso e interpretato in termini attuali: la compagnia di comici che dà vita allo spettacolo non è una compagnia "datata" con tanto di suggeritore e capocomico, ma è una compagnia che porta sulla scena tutte le dinamiche e le problematiche di chi fa teatro ai nostri giorni.
Gli attori impegnati in questa produzione vengono da esperienze diverse a cavallo tra teatro in lingua veneta e teatro di ricerca, tra teatro di parola e teatro fisico.
E proprio questa dicotomia, che molto spesso caratterizza il teatro nella nostra regione, fa nascere il desiderio di intraprendere una sfida: coniugare tradizione e innovazione, lavoro sul testo e improvvisazione, studio del movimento della Commedia dell'Arte e di quello più vicino al teatro contemporaneo; ma soprattutto fa nascere il desiderio di coniugare la stilizzazione delle maschere e il bisogno di verità, imprescindibile nel teatro contemporaneo.
Questa messa in scena de Il servitore di due padroni mette in risalto il contrasto tra la difficoltà e l'incertezza della vita degli attori e la leggerezza, la perfezione del gioco scenico inventato da Goldoni; analizza e si interroga sul senso che può avere per una compagnia di giovani nel 2007 studiare e confrontarsi con un capolavoro del passato, nella certezza che sia impossibile presentarsi al pubblico se non si lavora, con onestà, sempre a partire da se stessi.
Alberta Toninato


Foto di scena

clicca sulle immagini per ingrandire



Alberta Toninato
Si laurea in lettere e si diploma alla Scuola di Teatro “Giovanni Poli” a l’Avogaria di Venezia. Lavora presso la Compagnia L’Isola Teatro di Venezia come assistente alla regia e attrice con la regia di Virgilio Zernitz. Nel 1997 vince insieme a Giovanna Boscarino il primo premio al concorso nazionale per attrici La parola e il gesto di Imola (presidente della giuria Glauco Mauri). Ottiene numerosi premi e riconoscimenti a livello locale e nazionale come regista-autrice degli spettacoli Il dritto e il rovescio, La voce di chi resta, Due in Uno. Lavora con la regista Serena Sinigaglia nel progetto In viaggio verso Sarajevo. Scrive e interpreta il monologo Al Bunduqija-il luogo delle genti diverse. Nel 2001 fonda con la danzatrice Silvia Salvagno l’Associazione Kairós, per cui scrive, dirige e interpreta Terre di nessuno e Storia di Nin.

Sara Paolini
Si è diplomata nel 1994 alla scuola teatrale "Giovanni Poli" A L'Avogaria di Venezia e ha partecipato al "Corso per attori" organizzato dal "Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni". Nel 97 ha lavorato in Spagna con la Compagnia Fura dels Baus,. E' stata tra i fondatori della Compagnia L'Isola Teatro dove viene diretta da Virgilio Zernitz e Alberta Toninato prima e poi da Serena Sinigaglia (Compagnia A.T.I.R di Milano). Lavora inoltre con Maurizio Scaparro, Mario Monicelli, Giuseppe Emiliani. Attualmente e' scritturata dalla Compagnia La Piccionaia I Carrara (Vi).

Betty Andriolo
Laureata in Inglese presso l' Università di Lingue e Letterature Straniere Ca' Foscari di Venezia si forma come attrice nell'ambito della Commedia dell'Arte e del teatro goldoniano partecipando alla messa in scena di numerosi spettacoli in Italia e all'estero. Dal 2004 lavora con il regista Giuseppe Emiliani partecipando alla messa in scena di due spettacoli: Notturni Indiani nel Feb. 2004 e Il Campiello di C. Goldoni nel Feb. 2005. Sempre nel 2005 lavora con il maestro Gian Franco De Bosio nell'allestimento di Vaccaia di Ruzante che dopo una lunga turnè approderà al Piccolo Teatro Studio di Milano. Da anni lavora anche con i bambini nell'ideazione e realizzazione di spettacoli e laboratori in italiano e in inglese.

Luigi Ballarin
Inizia la sua formazione teatrale nel 1988 con Shelley Mitchell a Venezia. Nel 1992 fonda "Gli Erranti" con cui porta in scena "La cantatrice calva" di Jonesco e, nel 1994, scrive dirige e interpreta la tragicommedia "Lo stuzzicadenti". Nel 1992 con artisti europei partecipa all'European Theater Production sotto la guida di Hans Dieter Ilgner, del Theater "Die Raben" di Bonn, e di Valeria Lucas del Theatre "Valise" di Cardiff, andando in scena a Bonn con Replica Babylonica, regia di Leszek Madzik. Nel 1995 per il Centro Teatrale Universitario di Venezia recita in La famiglia Mastinu di Savinio, regia di Luca Valentino; è Argante nel Malato Immaginario di Molière. Nel 1998 collabora con RAI e MEDIASET. Con la regia di Giuseppe Emiliani e Valentina Fornetti: nel 2003 Il villaggio degli sciocchi di John Lazarus,; nel 2004 Una linea nella sabbia di Guillermo Verdecchia. Nel 2005 è ne Il campiello di Carlo Goldoni, regia di G. Emiliani. Nel 2006 scrive e interpreta Una storia di carta con Paola Bolati.

Linda Bobbo
Si diploma alla scuola di Teatro "Giovanni Poli " a l'Avogaria di Venezia nel 1996, partecipa alla fondazione della Compagnia L'Isola Teatro sotto la direzione artistica di Virgilio Zernitz. Collabora nel 2000 con la Fura dels Baus e con la compagnia La Cubana, entrambe di Barcellona.Nel 2002 si sperimenta come autrice e crea "Espiral" monologo sull'idenità e "Tra(I) vestiti monologo comico. Nel 2004/05 sotto la regia di Giuseppe Emiliani partecipa all'allestimento de "Il Campiello" di C.Goldoni. Da un paio di anni ha costituito l'Associazione culturale Josephine Cre(A)zioni con l'intento di "creare" progetti teatrali legati alla memoria e al territorio.

Paola Brolati
Paola Brolati nata a Mestre 13/09/1960, laureata in inglese 1985. Formazione teatrale al biennio per la preparazione dell'attore del Teatro Avogaria di Venezia. Autrice ed attrice solista, dal 1989 professionista, fino a metà anni 90 si dedica al cabaret. Dal 2000 comincia a rappresentare vicende di storia locale, soprattutto legate al rapporto tra monti e laguna. Ha lavorato in televisione, al cinema (Pane e Tulipani di Silvio Soldini) e in svariate produzioni teatrali.Con i compagni di percorso gestisce il piccolo spazio di produzioni culturali Fuoriposto a Mestre.

Vanni Carpenedo
Si diploma alla scuola di teatro “Giovanni Poli” a l’Avogaria. Partecipa alle produzioni Le donne de casa soa e La casa nova di Goldoni (regia di Virgilio Zernitz-Compagnia L’Isola Teatro). In viaggio verso Sarajevo (progetto teatrale a cura di Serena Sinigaglia-Compagnia L’Isola Teatro). Il tempo dei giganti, da Luigi Pirandello (regia di Claudio Di Scanno-Compagnia Drammateatro). Il Campiello di Goldoni (regia di Bepi Emiliani-Teatro Fondamenta Nuove), Storia di Nin (regia di Alberta Toninato- Kairós).

Beppe Casales
Si forma a Padova con Roberto Caruso e al Teatrocontinuo. Fonda l’Associazione Via, di danza e teatro, per cui scrive e interpreta numerosi lavori. Dal 2005 partecipa come attore protagonista alla produzione dei Teatri Uniti Il lavoro rende libero di Vitaliano Trevisan con la regia di Toni Servillo.

Christian Renzicchi
Prime esperienze legate al Teatro Universitario di Ca' Foscari sotto la direzione di Giuseppe Emiliani. Con il Teatro Fondamenta Nuove prende parte allo spettacolo "Notturni indiani" allestito da G. Emiliani per il Carnevale 2004. Sempre per lo stesso Teatro, è tra gli interpreti del "Campiello" di Carlo Goldoni firmato Giuseppe Emiliani debuttato nel Carnevale 2005.
Collaborazioni con il Teatro a l'Avogaria Giovanni Poli: nel "Saltuzza" di Andrea Calmo regia di Riccardo Bellandi (2004); "I pitocchi fortunati" di Carlo Gozzi con regia di Roberto Milani (2006). E dove attualmente è iscritto al corso biennale di formazione della rinata Scuola.

Stefano Rota
Si forma a Bologna con Alessandra Galante Garrone; porta in scena classici della Commedia dell'Arte, di Carlo Goldoni, Ruzante e Shakespeare insieme a Carlo Boso e alla Cooperativa Tag Teatro. Negli anni '90 recita per Elio de Capitani (Resti umani non identificati e la vera natura dell'amore e Roberto Zucco e I Turcs tal Friul di Pasolini), è selezionato per la rassegna comica nazionale Riso in Italy e debutta come autore e interprete di monologhi con C'era una volta, una volta sì e tre no (festival dell'umorismo di Grottammare 1995). Accanto alle interpretazioni con Fabio Modesti e Pantakin da Venezia, arriva il cinema nel ruolo di coprotaginista, con Stefania Rocca e Maddalena Crippa, del film Viol@ (1998) di Donatella Maiorca, vincitore del premio Solinas per la sceneggiatura e presentato alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Nel 1999 porta in scena all'Olimpico di Vicenza Il re cervo di Carlo Gozzi, per la regia di Eugenio Allegri. E' Autore con Sandra Mangini, e interprete, dei monologhi Patanostrada, Strade e Patanostrada, la Terra. Attivo con Virgilio Zernitz e Mirko Artuso, nel 2005 è in scena a Venezia con il Campiello Goldoni, diretto da G. Emiliani; interpreta il film indipendente Questioni di pelle diretto da Bibi Bozzato, con Fulvio Falzarano e Vitaliano Trevisan.

Lucia Schierano
Lucia Schierano è attrice di teatro, cinema e televisione. Capace di passare dal tragico al brillante, dal drammatico al comico, ha lavorato tra gli altri con Giuseppe Emiliani, Piero Maccarinelli, Carlo Boso, Walter Manfré, Gianfranco De Bosio. Ha in attivo tre diversi monologhi che dimostrano con classe prelibata l’equazione che vorrebbe l’attore capace di ospitare dentro di sé, digerire ed esplicitare una molteplicità di personaggi e aspetti.



041 5224498, produzioni@teatrofondamentanuove.it

Vortice - Associazione Culturale
email: vortice@provincia.venezia.it


Vai a Vortice

--------------------------------------------------------------------------------

home