Operaestate Festival Veneto
Teatro Fondamenta Nuove Venezia
Festival Danza Urbana Bologna
Amat Marche
Festival Ammutinamenti Ravenna


LA DANZA NEI PAESAGGI URBANI 2007
INTERNATIONAL DANCE RAIDS

Compagnie Nicole Seiler (Svizzera), May Be Whatever (Malesia - USA), Simona Bertozzi (Italia), Guillem Mont de Palol (Spagna-Olanda).

Con il sostegno di Pro Helvetia Fondazione Svizzera per la Cultura, FAPK , Theater Instituut Nederland e Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi, Mid Atlantic Arts Foundation.


La Danza nei paesaggi urbani intende proporre un'esperienza artistica in luoghi suggestivi e simbolo della città. Un'operazione culturale che vuole portare la danza a misurarsi con spazi urbani e situazioni inedite, adattandosi ad essi e modificandosi in base alle particolarità, ai limiti e ai vincoli architettonici.

Il lavoro negli spazi pubblici come luogo di socialità e cultura, un impegno ancor più difficile e prezioso in anni che hanno portato a vivere sempre meno le strade e le piazze come punti di aggregazione e di incontro, di crescita civica e culturale.

La "Danza Urbana" viene così interpretata in modo innovativo e fondamentale e ciò allo scopo di spingere la Danza stessa a riflettere sul proprio modo di essere e di esprimersi, ma soprattutto a ripensarsi e a ripensare la propria relazione con il pubblico e il territorio.

Non si propone solo un insieme di eventi, ma anche l'occasione per una "ricerca sul campo" continua, nel senso di una riflessione aperta e costante sul più generale "sistema - danza" e del contesto sociale, storico e culturale circostante.

La democratizzazione della danza, erroneamente ritenuta arte elitaria e relegata a un ruolo di contorno nelle programmazioni dei teatri, viene qui realizzata proponendola in luoghi non tradizionali dimostrando quanto questa forma espressiva dell'arte, tra le più antiche ed universali, sappia comunicare al di là di qualsiasi limite sociale e culturale, coinvolgendo anche nelle sue forme più innovative un vastissimo pubblico. Si vuole inoltre dare visibilità all'attività di coreografi e di compagnie in contesti che si aprono alla realtà internazionale e valorizzare il patrimonio storico ed architettonico della città in una suggestiva scoperta dei linguaggi universali del corpo.


Rappresentazioni:
1 settembre Treviso
2 settembre Venezia
4 settembre San Lazzaro di Savena
5 settembre Bologna
7 settembre Amandola
9 settembre Ravenna


Spettacoli:
Il programma prevedi la presentazione di 4 coreografie create e allestite per i luoghi suggestivi nel centro storico delle città. Gli spettacoli si susseguono lungo un itinerario che il pubblico è invitato a percorrere:

ore 18.00, campo S. Margherita Simona Bertozzi
ore 19.00, campo dei Frari Mei Be Whatever-Mei Ying Ng
ore 20.00, campo S. Polo Guillem Mont de Palol
ore 21.00, Rialto, Pescheria Cie Nicole Seiler


Compagnie Nicole Seiler
Titolo: K Two (performance d'apres le personnage de Madame K)

Coreografia Nicole Seiler in collaborazione con Kylie Walters
Danza Nicole Seiler e Sun-Hye Hur
musiche Letizia Renzini
costumi Claude Rueger
chargee de diffusion Veronique Marechal

Due donne in una piazza. Il loro desiderio di apparire è forte, vorrebbero fuggire dalla verità del loro corpo e dalle loro imperfezioni. Madame K two si propone come un viaggio, presentando una riflessione sulla verità e sulla menzogna attraverso lo sguardo di una donna e del suo universo interiore, confrontata nello scarto tra il suo vero sé e la sua sembianza.

Nicole Seiler
Nata nel 1970 a Zurigo, Nicole si forma dapprima alla Scuola Teatro Dimitri di Verscio e alla Vlaamse Dansacademie di Brugge (Belgio). Successivamente segue una formazione presso l'Ecole-Atelier Rudra Béjart di Losanna. Nel 1995 entra nella Compagnia losannese, Buissonnière con la quale interpreta molte produzioni firmate da Philippe Lizon quali Le Crime, Tom's Walz, Eléonore et Léonard, Petits Métrages, El Tango Loco. Nel 1998, partecipa alla creazione di Nora, la maison de poupée, di Ibsen, con la regia di Hansgünther Heyme.
Sempre nello stesso anno, entra come attrice nella compagnia del Teatro Malandro di Ginevra, lavorando negli spettacoli Noces de Sang e Les Bacchantes, per la regia Omar Porras. Nel 2001 ritorna a collaborare con la compagnie Buissonnière e partecipa a Lunatown Orlando e Lola la Loca coreografie di Cisco Aznar. Per Mas-productions di Zurigo realizza nel 2001 Dance e l'anno successivo participa all'esposizione vivente presentata dalla Compagnia Philippe Saire nell'ambito di Expo.02. In quell'anno fonda anche la propria compagnia. La sua prima creazione è Quoi ? una coreografia in cui integra video e danza. Contemporaneamente danza nello spettacolo Le poids des éponges, una produzione di Alias compagnie. Si è affermata nella scena internazionale con le produzioni Madame K, Lui e Pixel Babes.
Parallelamente alla danza, il suo interesse e la sua formazione in multimedia, la portano a realizzare numerossisimi siti web, video e animazioni, nonché ad essere fotografa e regista video per le compagnie Buissonnière, A-C Moser, Collectif Utilité Publique, Korpus Animus, Pascal Francfort, Collectif du Marchepied, Petit Paul e Compagnie du Passage.


Compagnia Mei Be Whatever
Titolo: Cinderella Toe Jam : Royal Pink

Malesia-USA
Coreografia: Mei Yin Ng
Interpreti Compagnia Mei Be Whatever

Royal Pink esplora le restrizioni attraverso il corpo mostrando una danza che rivela una inusuale e inaspettata bellezza - la trasformazione del corpo, delle interiorità, del movimento. Nella coreografia viene stilizzato il concetto più estremo di perfezione corporea, quella con cui si confrontano i danzatori, interrogandosi sulle motivazioni e sulla vulnerabilità psicologica del corpo femminile performer.

Mei Be Whatever
La compagnia fondata dalla coreografa malese Mei Yin Ng è un collettivo di artisti basati a New York. La ricerca si orienta sulle fusioni tra danza contemporanea e tecnologia esplorando le relazioni tra corpo e tecnologie, tra il mondo reale e quello virtuale. La compagnia è stata presentata a: Leap Festival 05 Liverpool, UK; IFFC Festival Fabbricaeuropa e Barcellona, SESC Festival of Arts Sao Paulo, Brasile; International Choreographer's Platform Almada,Portogallo; Operaestate Festival Veneto, Enzimi Roma, PS122, Movement Research a Judson Church, The Flea and Boston Cyberarts Festival, 2004 Multimedia Forum al Monaco Dance Forum.


Guillem Mont de Palol
Titolo: About George

Spagna-Olanda
Coreografia: Guillem Mont de Palol
Interprete: Guillem Mont de Palol

George è una performance-installazione creata per gli spazi pubblici.
Tra animali e macchine, George cerca ti comprendere il proprio ruolo nel mondo.
George usa la propria immaginazione per mostrare un peculiare punto di vista sull'evoluzione degli esseri umani e il loro comportamento.
George vuole rompere il ritmo della città.
George è uno dei migliori Hula-Hoopers del luogo.
George è il rappresentante della mente rivoluzionaria, un attivista anti sistema, o un anarchico.
George è un fallimento.
George è un errore.
George vuole iniziare una rivoluzione…
un proprio modo, peculiare
George is a performance installation made for the public space.

Guillem Mont de Palol
Ha studiato alla AHK, SNDO (School for New Dance Development), Amsterdam, ha conseguito un Master Degree in Dance Teacher alla UAB (Universitat Autonoma de Barcelona)
Ha lavorato come interprete con Pierre Audi e Min Tanaka, Katrina Brown, Nora Heilmann, Pere Faura, Yael Davids e Martin Butler e recentemente con Florin Fieroiu e Sacha Steenks nel progetto the Migrant Body. Negli ultimi sei anni è stato molto attivo come coreografo nella scena olandese


Simona Bertozzi
Titolo: L'Endroit 2e - Architetture del corpo

Italia
Coreografia: Simona Bertozzi
Interprete: Simona Bertozzi

L'idea di affidare al corpo la possibilità di riconoscersi luogo originario, spazio-genesi, dell'azione fisica e la progressiva esperienza di un'estensione dell'indagine abitando un volume spaziale esterno e continuamente riscrivibile, ha costituito presupposto fondamentale nella creazione de L'Endroit. Data la percezione iniziale di una sottrazione, di un vuoto-stallo, l'immagine persistente e privilegiata è stata quella di un corpo in condizione di esercizio fisico e dinamico, ostinato e complesso, risolto in atti di destrutturazione, deformazione e precarietà dello stare. L'interrogazione costante è "organica". E l'attenzione è rivolta al potenziale comunicativo e immaginifico di un'azione articolata, articolare e desiderosa di ritagliarsi un luogo per essere al contempo densa e fragile, evocativa e sottratta. Queste Architteture del corpo, ovvero estratti brevi dall'Endroit posti in relazione con spazi preesistenti dotati di un'identità architettonica già definita, non abbandonano l'idea di un pieno possesso della forma nel, dal e attraverso il corpo ma la arricchiscono dello scambio sensoriale e fisico che questi luoghi preesistenti detengono.

Simona Bertozzi
Studia sin da giovanissima ginnastica artistica e danza classica per poi intraprendere un percorso professionale nell'ambito della danza contemporanea lavorando con numerose compagnie italiane Dal 2005 danza con la Compagnia Virgilio Sieni Danza prendendo parte a numerosi progetti e produzioni tra cui: Mi difenderò (2005), Five Dreams (2006), Piega Canova (2006) Un Respiro (2006-2007).


Informazioni:
041 5224498, info@teatrofondamentanuove.it

Vortice - Associazione Culturale
email: vortice@provincia.venezia.it


Vortice

--------------------------------------------------------------------------------

home